banner
banner
banner
Museo del Pomodoro Museo del Prosciutto di Parma Museo del Parmigiano-Reggiano
  Il Salame di Felino
Perché i musei Shop Home Il Territorio News-Eventi press Didattica Amici del Museo I Musei del Cibo
La storia
Il prodotto
- A tavola con il principe dei salami
 
Il Museo
Catalogo
La visita
Approfondimenti
Bibliografia
Informazioni e contatti
 

 
 

Il gustosissimo Salame Felino vanta addirittura ascendenze etrusche. Lo rivela il nome stesso del fortunato paese in provincia di Parma, dove si produce forse il migliore tra gli insaccati italiani.

A Felino, ubicato tra i primi declivi della verdissima Valle Baganza ricca di boschi in cui pascolavano anticamente le mandrie di maiali, da tempo immemorabile è invalso l’uso di preparare una salame (dalla "radice" latina "als", sale, linguisticamente trasformatosi in "sal") con pura carne di suino la cui produzione si è affiancata nel tempo a quella del Prosciutto crudo di Parma.

È il suo legame con l’antica arte salumiera, che rende Felino speciale rispetto a tutti gli altri paesi delle prime colline dell’Appennino. Fin dal periodo medievale rappresenta infatti la patria gastronomica del rinomato Salame Felino, rappresentato nel XII secolo da Benedetto Antelami all’interno del Battistero di Parma nel bassorilievo del segno zodiacale dell’Acquario.

 
 
 
Il segno zodiacale dell’Acquario con cuciniere e salami appesi ad asciugare presso il focolare: Benedetto Antelami, bassorilievo, XII secolo, Parma, Battistero



Questa specialità, tramandataci da una antichissima tradizione contadina, è il frutto dell’unione sapiente delle migliori carni suine con le particolari condizioni microclimatiche del luogo, che favoriscono naturalmente il processo di maturazione del salame, fornendo una temperatura ideale ed un adeguato grado di umidità e di ventilazione.

Ed il connubio di questi elementi essenziali ha permesso al Salame Felino di affermarsi come un autentico capolavoro dell’arte salumiera italiana, dalle caratteristiche organolettiche e gastronomiche inimitabili.

Per l'impasto si preferisce la carne fresca accuratamente selezionata: spalla disossata, pancetta e macinato selezionato, ottime rifilature magre e grasse di prosciutto, che vengono conciate con sale, spezie ed aromi naturali a cui si aggiungono, nella proporzione del 25-30%, parti grasse scelte fra quelle a costituzione più dura.
Dopo la triturazione a pasta grossa, vengono aggiunti sale e pepe in grani e vino bianco con aromi. I salami vengono quindi insaccati a mano nel budello gentile suino, che gli conferisce il tipico aspetto dal diametro non costante e lentamente stagionati. Il prodotto finale è caratterizzato da morbidezza, gusto dolce e profumo delicato.

 
 
 
Lavorazione artigianale del Salame a Felino nei primi anni del Novecento


Consumato cotto – come ancor oggi la salama ferrarese – in epoca pre-romana e romana e per tutto il Medioevo ed il Rinascimento (Antelami lo rappresenta in pentola, il cuoco di Corte dei Farnese, Carlo Nascia, lo inserisce cucinato in due banchetti) solo a partire dalla seconda metà del XVIII secolo fa la sua comparsa (in una natura morta del pittore napoletano Giacomo Nani, 1701-1770 ) come alimento da consumare crudo e tagliato a fette sottili.

La tradizione vuole che venga affettato con un taglio inclinato di 60° allo scopo di evidenziare la grana e di evitare la sbriciolatura della fetta nel caso in cui venga consumato fresco.

Dopo un percorso lungo e complesso, la Comunità Europea ha insignito il Salame Felino del riconoscimento IGP con il Regolamento CE n. 186/2013 del 05 marzo 2013.

 
 
MARCHIO IGP

L’IGP - Indicazione Geografica Protetta - è il marchio che viene attribuito dalla Comunità Europea a quei prodotti alimentari per i quali una determinata qualità, o altre caratteristiche specifiche, richiamano l’origine geografica evocata dal nome dell’alimento, fondamentale in almeno una delle fasi della sua preparazione. Il processo produttivo degli alimenti IGP deve seguire, per legge, le rigide regole stabilite nel disciplinare, il cui rispetto è assicurato da un organismo di controllo. Ha validità in tutta la Comunità Europea.

Prodotto a Felino, dove ha sede il Museo del Salame, e in tutto il territorio amministrativo della provincia di Parma, secondo quanto stabilito dal Disciplinare di Produzione, il “Principe dei salami” è garantito dall’Identificazione Geografica Protetta (IGP) e dall’omonimo Consorzio di tutela costituitosi fra i produttori nel 2011 che appone uno specifico marchio di riconoscimento.

 MARCHIO CONSORZIO
Salame Felino (Foto A. Gandolfi)

 


Divisione
created: 24/07/2007
modified: 15/09/2015
Segnala a un amico tell a friend
Versione stampabile printable version

 



Il segno zodiacale dell’Acquario con cuciniere e salami appesi ad asciugare presso il focolare: Benedetto Antelami, bassorilievo, XII secolo, Parma, Battistero (19Kb)


Lavorazione artigianale del Salame a Felino nei primi anni del Novecento (20Kb)


Macchina per insaccare sistema "Lancia" (19Kb)

Provincia di Parma
Con il patrocinio di
Provincia di Parma
Parchi del ducato Musei della Provincia di Parma

Musei della provincia
di Parma

Museo di qualità Musei del Cibo

Musei del cibo della provincia di Parma
Piazzale della Pace, 1 - 43121 Parma
Tel.: +39.0521.931800 / +39.333.2362839 Fax: +39.0521.678174


HOME - MUSEO DEL SALAME FELINO - PERCHÉ I MUSEI - I MUSEI DEL CIBO - IL TERRITORIO - NEWS-EVENTI - PRESS - DIDATTICA - TRASPARENZA - CREDITS - SHOP - DOVE DORMIRE - I MUSEI - 

Informativa sulla privacy

 

 

funzione non attiva