banner
banner
banner
Museo del Pomodoro Museo del Prosciutto di Parma Museo del Parmigiano-Reggiano
  Parola di maiale
Perché i musei Shop Home Il Territorio News-Eventi press Didattica Amici del Museo I Musei del Cibo
Il prodotto
Il percorso
La visita
Catalogo
Approfondimenti
“Assaggiare” i prosciutti col naso: la fibula
Le acque “salse” e l’industria dei salumi
Il maiale dal Medioevo ai nostri giorni
L’allevamento del maiale in epoca romana
Sanaporcelle, Cozzoni,
Norcini è Mazén vagabondi dei porci nel Medioevo
La tradizione norcina della lavorazione delle carni suine nel tempo
Storia dei salumi in Italia tra Ottocento e Novecento
Storia sociale della razza suina parmigiana
Il maiale nella tradizione rurale
Parola di maiale
Tipologie edilizie e tecnologie
negli stabilimenti di lavorazione e stagionatura dei salumi
Porco mondo: i mille modi di essere maiale
San Lucio protettore dei Lardaroli di Parma
De’ Culatelli investiti
La Spalla di San Secondo tra storia e gastronomia
 
 
Antologia letteraria
Bibliografia
Informazioni e contatti
 
Giancarlo Gonizzi

 
 
Basta la parola” affermava un noto e mai dimenticato slogan lanciato da Carosello negli anni Sessanta. A dire lo stretto legame che unisce, nella cultura degli uomini, lessico con oggetto descritto.
Ma vi è un caso - quello del maiale – in cui una parola non basta. E cento non sono sufficienti. Esiste infatti una ricchezza linguistica straordinaria legata al “porcello e alle sue prelibatezze”, così multiforme e variegata da divenire oggetto di una circostanziata, curiosa e saporosa pubblicazione - “Parole a fette” - di Giovanni Ballarini, storico ed antropologo dell’alimentazione, docente presso l’Università di Parma, frutto di anni di ricerche e studi.

L’abbondanza di termini linguistici legata al maiale, riscontrabile attraverso uno studio comparato in buona parte dalle lingue indoeuropee, va connessa con l’epoca remota in cui l’uomo riuscì ad addomesticare quell’animale selvatico che fino a quel momento aveva cacciato. Infatti il maiale ed il cinghiale, dal punto di vista genetico, sono consanguinei.
E questa apparente contraddizione, che permane ancor oggi nelle valutazioni degli uomini, porterà alla contrapposizione dei termini sus (suino) inizialmente impiegato per indicare l’animale selvatico e pork (porco) l’animale domestico, macellato e mangiato, ma non cacciato.
Il termine sus, poi, è imparentato al verbo greco “thyein”, che significa sacrificare. Infatti l’uccisione dell’animale, nella mentalità dell’epoca, richiedeva un rito, tramandato già nei versi omerici dell’Odissea, che attraverso l’offerta e l’invocazione, permettesse di riparare l’offesa alla vita e di passare senza conseguenze nefaste o malefici ad una realtà nuova e diversa, quella della carne da mangiare, che, necessariamente, doveva cambiare denominazione, divenendo di maiale. E il maiale, animale sacro a Maia, proprio a questa divinità pare ispirare il suo nome, che letteralmente significa “animale vivente”.

Ed è significativo che l’atto propiziatorio sia indispensabile per l’animale adulto, ma non per i giovani, con speranze di vita ancora incerte, non a caso denominati porchetti - da cui la gastronomica porchetta - o porcellini. Grazie a loro i riti religiosi sacrificali e i riti alimentari si salderanno strettamente, tanto che specifiche cerimonie saranno a lungo caratterizzate dalla presenza di giovani suini.
Porcellini s’immolavano nel corso dei riti di iniziazione al culto di Venere; maialini venivano sacrificati nelle cerimonie di stipula dei trattati di pace per suggellarne i patti; un maialino, infine, veniva offerto durante il rito nuziale degli antichi re e dei personaggi etruschi d’alto rango, quando gli sposi novelli stavano per stringere il patto matrimoniale.
In effetti mangiare il maiale sacrificato era un modo per comunicare con la divinità, per attirarne l’attenzione e suscitarne la benevolenza. Lo stesso lardo pare abbia assunto tale denominazione perché utilizzato largamente dai romani per bruciarlo in onore dei Lari domestici.
Inoltre il maiale, soprattutto se di mantello scuro, o nero, come quello caratteristico un tempo del territorio parmense, era ritenuto in rapporto con le potenze sotterranee, non solo perché grufolatore e mangiatore di tuberi, ma in quanto abile cercatore di tartufi, ritenuti il frutto misterioso della caduta del fulmine.
Il maiale era dunque la creatura capace di riportare alla luce quello che era stato nascosto dalle potenze superiori e per questo il suo legame con l’ambito religioso, consolidatosi nei secoli, permane tuttora, soprattutto se di mantello scuro, in alcuni riti Wodoo dell’America Latina.
E non è un caso che sempre il maiale, in ambito cristiano - che pure lo ha accettato in termini alimentari, diversamente da Ebrei e Musulmani - sia stato scelto quale simbolo della sessualità sfrenata e delle potenze demoniache. Curiosamente il porcello, usato per rappresentare le tentazioni diaboliche vinte dall’eremita Antonio nel deserto, per un equivoco interpretativo sarebbe divenuto il protetto del Santo, capace, secondo il comune senso popolare, di vegliare per estensione, su tutti gli animali domestici.

Ma altri nomi si affacciano e si affollano nel documentato saggio di Ballarini. È il caso del porco che vive solitario, perché selvatico, definito dai latini “porcus singularis” da cui il francese sanglier e l’italiano cinghiale.
E ancora dalla femmina del maiale, madre di una cucciolata, indicata come troia, forse per una antica referenza gastronomica. Pare infatti fosse particolarmente apprezzato nella cucina latina il porcus troianus, un maiale farcito con volatili, selvaggina e carni diverse, fatto arrosto. Una volta in tavola se ne faceva uscire, non di rado in maniera spettacolare, il prezioso contenuto, così come era avvenuto quando dal cavallo di Troia erano usciti i guerrieri Achei. In modo analogo era detta troia la femmina gravida, che al suo interno ospitava maialini.
Il termine si sarebbe nel tempo applicato con accezioni negative a quelle donne ritenute particolarmente attive dal punto di vista sessuale. Quanto al maiale, il verro, anche per le sue modalità d’accoppiamento, era considerato un simbolo di virilità, tanto che alcuni dialetti sarebbero giunti a definirlo semplicemente “maschio”. La femmina, invece, era simbolo di fertilità, intimamente legata alla luna per la sua periodica capacità di variare di dimensioni e di alternare con quella i propri ritmi riproduttivi, ma pure i propri destini.

Alla luna crescente s’ammazza il porco” prescriveva, infatti Vincenzo Tanara nella sua Economia del Cittadino in Villa del 1658, parlando delle incombenze del mese di dicembre.
Porco che, non appena immolato, trasformava il suo nome, divenendo al nimel, l’animale per eccellenza, destinato a sfamare le famiglie con carni e salumi sapientemente acconciati per conservarsi in maniera scaglionata nel tempo: da alcuni giorni a mesi fino ad uno o due anni per prosciutti, pancette e tagli pregiati.
Tutte cose destinate, pure, a dettare centinaia di parole per identificare in questa o in quella regione questo o quell’insaccato o taglio particolare. Così che - e il testo(1) di Ballarini bene lo documenta - non basta più la parola, che in una ridda di sinonimi e di equivalenze pare “fatta a fette”, giusto per restare nel tema, ma centinaia ne occorrono per descrivere questa straordinaria “Italia dei salumi” e raccontare sempre storie nuove con i loro mille perché.
Perché del suino, come dicevano i nostri vecchi, non si butta nulla. Parola di maiale.

 
1. Giovanni Ballarini, Parole a fette. Nomi e soprannomi dei salumi italiani. Colorno (PR), TLC Editrice, 2001, 175 pp. £ 20.000.

Divisione
created: 14/01/2004
modified: 17/02/2004
Segnala a un amico tell a friend
Versione stampabile printable version

 



Giulio Romano, Il sacrificio del porco. Incisione, XVI secolo (20Kb)


La cucina grassa. Incisione fiamminga del XVII secolo da un dipinto di Peter Brügel il Vecchio. Vita quotidiana, lavoro di cucina e attività domestiche si fondono nell’animata scena, dove i commensali consumano con abbondanza carne di maiale e salumi (21Kb)


Breviario Grimani, Sant’Antonio Abate. Miniatura XV-XVI secolo, Venezia, Biblioteca Marciana. Il maiale, raffigurato ai piedi di Antonio per rappresentare le tentazioni diaboliche vinte dall’eremita nel deserto, per un equivoco interpretativo sarebbe divenuto il protetto del Santo, capace, secondo il comune senso popolare, di vegliare, per estensione, su tutti gli animali domestici. (18Kb)


Domenico Galaverna, Vita di S. Antonio Abate. Almanacco parmigiano per l’anno 1874. Xilografia acquerellata, XIX secolo. Parma, Collezione privata. Secondo una differente interpretazione, la raffigurazione del maiale ricorderebbe l’utilizzo da parte di Antonio del grasso di porco per lenire le sofferenze causategli dall’Erpes Zoster, il cosiddetto “fuoco di Sant‘Antonio”: per estensione il Santo eremita viene invocato anche a protezione dagli incendi (18Kb)


La tentazione di Sant’Antonio Abate. Manifesto, XIX secolo. Con una interpretazione ironica e ormai lontana dall’agiografia tradizionale, qui il diavolo irride il Santo tentandolo con un porcellino allo spiedo (20Kb)


Il ghiottone. Incisione del XVI secolo (20Kb)

Provincia di Parma
Con il patrocinio
della Provincia di Parma
Musei della Provincia di Parma Musei della Provincia di Parma Musei del Cibo Musei del cibo della provincia di Parma - Piazzale della Pace, 1 - 43121 Parma
Tel.: +39.0521.821139 / +39.333.2362839 Fax: +39.0521.931881

HOME - MUSEO DEL SALAME FELINO - PERCHÉ I MUSEI - I MUSEI DEL CIBO - IL TERRITORIO - NEWS-EVENTI - PRESS - DIDATTICA - AMICI DEI MUSEI - CREDITS - SHOP - DOVE DORMIRE - I MUSEI - 


 

 

funzione non attiva