banner
banner
banner
Museo del Pomodoro Museo del Prosciutto di Parma Museo del Parmigiano-Reggiano
  Il pomodoro a Parma
Perché i musei Shop Home Il Territorio News-Eventi press Didattica Amici del Museo I Musei del Cibo
Il prodotto
- La storia
- Cronologia
- Caratteristiche
- A tavola con Re Pomodoro
 
Il percorso
La visita
Approfondimenti
Antologia Letteraria
Bibliografia
Informazioni e contatti
 

 
 
Questa è una storia di successo e merita di essere raccontata. Ma non per smania celebrativa; è che le storie insegnano.

Perché il Pomodoro ha avuto successo a Parma e non altrove?
Quello straordinario crogiuolo dell'agro-alimentare che è il nostro territorio, vanta diversi casi dl successo che si assomigliano, come l'allevamento bovino e la produzione del “Parmigiano”, l’allevamento suino e la produzione dei salumi.
Tutte queste storie trovano il nesso nelle soluzioni date al nodo critico del “come” conservare un prodotto fresco e deperibile (non importa che sia latte, carne suina o pomodoro). La genialità e praticabilità della soluzione ha determinato le straordinarie “filiere” dei nostri prodotti tipici.

Per il Pomodoro, nella seconda metà dell'Ottocento un agronomo innovatore come Carlo Rognoni ne propagandò la coltivazione, sostenendo la sperimentazione agronomica relativa e la divulgazione presso gli agricoltori. È l'epoca dei “Comizi Agrari” e delle “Cattedre Ambulanti”, con grande fermento nelle campagne per le novità che la scienza andava portando.

Altri grandi Maestri, come Bizzozero e Solari predicano le novità, ognuno con un proprio “stile” e una propria caratterizzazione. Le Casse di Risparmio, nate da poco, sostengono le iniziative e si va profilando per le campagne una stagione nuova tra miseria e tensione sociale immanente. Ma non basta coltivare una nuova pianta, occorre che il mercato compri il prodotto che ne deriva.
In quegli anni la scienza mette a punto le prime rudimentali tecnologie per le conserve. Rognoni “intuisce” che per dare un futuro alla coltivazione del pomodoro occorre creare e sostenere l'attività di trasformazione in conserve. Si affacciano così alla storia i “pionieri” dell’industria nascente, che si chiamano Mutti, Pagani, Rodolfi, Pezziol e altri ancora, che daranno vita a delle vere e proprie dinastie di imprenditori.

Ma “l'invenzione” parmigiana critica che farà decollare il sistema “pomodoro” a Parma, il vero colpo d'ala, si chiamerà Stazione Sperimentale delle Conserve e vedrà la luce nel 1922. Da allora l'innovazione tecnologica, l'assistenza alle imprese, il controllo di qualità, accompagneranno uno straordinario percorso, che giunge, ai nostri giorni, alla lavorazione di: un milione di tonnellate di pomodoro nel territorio provinciale.

L'altra “invenzione” tutta parmigiana è di tipo commerciale: la Mostra delle Conserve (antesignana dell’odierno CIBUS) che si andrà affermando a partire dagli anni Quaranta del Novecento.

Oggi Parma esporta in mezzo mondo il suo “Oro Rosso” e la relativa tecnologia e può vantare la più importante fiera alimentare italiana.
Una stona così ricca ha lasciato tracce evidentissime nei modi del vivere e del lavorare, oltre che del produrre. Si tratta di memorie, di persone, di macchine, impianti, confezioni dei prodotti, immagini grafiche e pubblicitarie in parte ancora custodite. Sicuramente da conservare e da raccontare.

Divisione
created: 15/06/2004
modified: 30/05/2007
Segnala a un amico tell a friend
Versione stampabile printable version

 



Un pomodoro gigante, ricco di storia e di tradizione, viene portato a spalla da due contadini verso la fabbrica delle conserve. Da una pubblicità della ditta Coperchini, Rossi & C. di Noceto, 1920. (18Kb)

Provincia di Parma
Con il patrocinio di
Provincia di Parma
Parchi del ducato Musei della Provincia di Parma

Musei della provincia
di Parma

Museo di qualità Musei del Cibo

Musei del cibo della provincia di Parma
Piazzale della Pace, 1 - 43121 Parma
Tel.: +39.0521.821139 / +39.333.2362839 Fax: +39.0521.931881


HOME - MUSEO DEL SALAME FELINO - PERCHÉ I MUSEI - I MUSEI DEL CIBO - IL TERRITORIO - NEWS-EVENTI - PRESS - DIDATTICA - TRASPARENZA - CREDITS - SHOP - DOVE DORMIRE - I MUSEI - 

Informativa sulla privacy

 

 

funzione non attiva