banner
banner
banner
Museo del Pomodoro Museo del Prosciutto di Parma Museo del Parmigiano-Reggiano
  La visita
Perché i musei Shop Home Il Territorio News-Eventi press Didattica Amici del Museo I Musei del Cibo
Il prodotto
Il percorso
La visita
Audioguide gratuite
La sede del Museo.
Un antico centro di trasformazione agro-alimentare
Una visita virtuale
 
 
Approfondimenti
Antologia Letteraria
Bibliografia
Informazioni e contatti
 

 
 

Collecchio e la sua terra

I primi uomini, provenienti dall’Oriente, abitarono il territorio di Collecchio già nell’età paleolitica, ma fu nel Neolitico e nell’età del bronzo che sorsero nella zona veri e propri villaggi di palafitte, individuati dagli scavi archeologici condotti a metà dell’Ottocento al Torrazzo di Madregolo e sul Poggio di Collecchio, importante posizione lungo la via che risalendo la Valle del Taro fino al valico della Cisa, consentiva di raggiungere il mare.

Fra il 1.000 ed il 500 a.C. il centro abitato di Sustrina, posto sul colle di Collecchio entrò nell’orbita Etrusca. Nel 27 a.C. l’Imperatore Ottaviano rase al suolo Sustrina, a causa dei dissidi con Parma che minacciavano il traffico lungo la via che conduceva all’importante porto di Luni. Sono ancora evidenti in molte zone del territorio comunale le tracce di centuriazione operata dai romani, sia nella rete stradale sia nella geometria delle colture agricole.
L’attuale nucleo di Collecchio sorse in era cristiana col nome di “Colliculum” ossia piccolo colle e fu sottomesso al potere temporale dei Vescovi.

Il ritrovamento di sepolture longobarde, risalenti all'alto Medioevo, attesta la presenza di quel popolo sul territorio collecchiese, ma ancora più forte è a quel tempo l'organizzazione religiosa confermata dalla presenza delle due importanti Pievi: la Chiesa di San Prospero di Collecchio e la Pieve di Madregolo oltre ad ospizi per pellegrini (xenodochi) a servizio della strada che conduceva verso Luni e Roma, chiamata di "Monte Bardone" ed in seguito Strada Romea o Francigena.
Lungo il tracciato della Romea, poco discosto dall’abitato di Collecchio verso Sud, si trovava la “Corte di Giarola”, grancia benedettina e centro produttivo per il Monastero di San Paolo di Parma, vasto complesso agricolo dotato di ampie stalle, mulino, caseificio, oggi divenuto di proprietà pubblica, egregiamente restaurato e sede del Parco Fluviale Regionale del Taro, che tutela 20 km di fiume e si stende su una superficie di circa 3.000 ettari. La sua ricchezza è dovuta alla presenza di numerose specie animali e vegetali ed alla diversità degli ambienti che rendono unica quest’area. Ad un chilometro verso Sud, lungo il corso del Taro, si erge la caratteristica Chiesa di Oppiano, oggi sconsacrata, rifugio silenzioso del pittore Amos Nattini, impegnato nella titanica e ventennale impresa di illustrare le tre cantiche della Divina Commedia.

A Collecchio, già nell'XI secolo si parla di "Castrum" e "Curte": probabilmente si trattava di un edificio, abitato dal feudatario, munito da mura che recintavano il centro abitato, mentre fuori stava la corte con fattorie e coltivazioni agrarie. Alcuni storici individuano tale edificio nella Villa Paveri, all'epoca di proprietà della famiglia Dalla Rosa.
Nel 1300 si parla ancora di castelli nel territorio di Collecchio legati alla famiglia Rossi. Nel 1335 Parma cadde in mano agli Scaligeri che distrussero il "Castello di Collecchio".

Tra il 1200 ed il 1500 Collecchio fu luogo di battaglie legate alla storia di Parma e ai nomi di Federico II, delle famiglie dei Visconti, dei Rossi, dei Pallavicino e degli Sforza.

Nel 1545 Parma divenne ducato sotto i Farnese. In quel periodo fu istituito il catasto Farnesiano, i cui volumi sono depositati nell'Archivio di Stato di Parma, nel quale si trovava descrizione dei confini del paese, del nome delle varie località e dei relativi proprietari. La grande riserva dei “Boschi di Sala”, esistente sul terrazzamento fluviale compreso tra Sala Baganza e Collecchio, già della famiglia Sanvitale, viene inglobata dalla Camera Ducale. Diverrà, col tempo, residenza estiva dei Duchi, progressivamente ampliata, e centro di una vasta zona, denominata “Boschi di Carrega” dal nome degli ultimi proprietari, oggi divenuta Parco Regionale.

Nel 1777 Collecchio fu eretto a feudo in favore della famiglia Dalla Rosa-Prati.
Nel 1796 Napoleone operò l’annessione del Ducato di Parma all'Impero Francese: Collecchio divenne allora Comune o "Mairie", secondo la lingua ufficiale.
A seguito del plebiscito avvenuto fra il 14 ed il 21 agosto del 1859, come tutto il Parmense, anche il Comune di Collecchio fu annesso al Regno di Sardegna sotto il Governo Costituzionale di Vittorio Emanuele II.

Tra il 1859 e il 1892 fu segretario comunale di Collecchio il poeta dialettale e noto burattinaio Domenico Galaverna (1825-1903). Fin dal 1852 Galaverna aveva iniziato a pubblicare il lunario “Battistèin Panäda” che raccontava in rime satiriche le vicende del protagonista e dei componenti della sua famiglia.

L’Amministrazione Comunale di Collecchio, in occasione del centenario della morte del poeta, deliberava il riconoscimento ufficiale di Battistèin Panäda come maschera rappresentativa del Comune di Collecchio, il cui stemma si deve alla mano dello stesso Galaverna.
Verso la fine dell’Ottocento nacquero le prime industrie agro-alimentari che costituiscono tuttora l'asse portante dell'economia della zona I collecchiesi, da agricoltori o piccoli commercianti, si trasformarono così in industriali del pomodoro, salumieri e casari, o produttori di barbabietole, cipolle - lavorate poi altrove - ed uve adatte ad una vinificazione di pregio, specie nella zona collinare di Gaiano ed Ozzano Taro.

A Ozzano Taro, presso il podere Bella Foglia si trova il “Bosco delle Cose”, lo straordinario Museo della Civiltà Contadina che ospita la collezione raccolta nel corso di una vita da Ettore Guatelli (1921-2000), oggi di proprietà di una Fondazione pubblica, straordinario specchio di una cultura ormai scomparsa.
 
 
 
 
 
 
 

Divisione
created: 18/06/2004
modified: 30/05/2007
Segnala a un amico tell a friend
Versione stampabile printable version

 



Interno della Chiesa di Collecchio (20Kb)


Bassorilievo in marmo bianco con il Battesimo di Cristo (20Kb)


Il monumentale Arco del Bargello, ingresso alla Villa Paveri Fontana a Collecchio (8Kb)


Interno di Villa Paveri (20Kb)


Scorcio della Corte di Giarola (17Kb)


Veduta aerea della Corte di Giarola (17Kb)


La Chiesa di Oppiano lungo il corso del Taro (22Kb)


Un interno del Museo Guatelli di Ozzano Taro (13Kb)


Il Casino dei Boschi di Carrega (18Kb)


Una panoramica del letto del Fiume Taro (21Kb)


Attività didattica curata dal parco del Taro lungo il corso del fiume (21Kb)


Battistèin Panäda, maschera del Comune di Collecchio (23Kb)


Stemma del Comune di Collecchio (19Kb)

Provincia di Parma
Con il patrocinio di
Provincia di Parma
Parchi del ducato Musei della Provincia di Parma

Musei della provincia
di Parma

Museo di qualità Musei del Cibo

Musei del cibo della provincia di Parma
Piazzale della Pace, 1 - 43121 Parma
Tel.: +39.0521.931800 / +39.333.2362839 Fax: +39.0521.678174


HOME - MUSEO DEL SALAME FELINO - PERCHÉ I MUSEI - I MUSEI DEL CIBO - IL TERRITORIO - NEWS-EVENTI - PRESS - DIDATTICA - TRASPARENZA - CREDITS - SHOP - DOVE DORMIRE - I MUSEI - 

Informativa sulla privacy

 

 

funzione non attiva