Pranza con noi

Pranza con noi ai Musei del Cibo!

Parte nel 2020 “Pranza con noi”: menù nutrizionalmente equilibrati per gli studenti della Scuola Primaria e Secondaria inferiore in visita al nostro circuito, studiati per noi dal Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’Università di Parma.

I menù potranno essere consumati nei ristoranti e punti di ristoro adiacenti ad alcuni dei nostri musei. Esiste anche un’alternativa al menù classico costituita da un ‘cestino’ per il pranzo, per un divertente pic nic negli spazi all’aperto intorno ai nostri musei.

Nuovi menù buoni e salutari, dunque, all’insegna dei prodotti tipici e di qualità del parmense.

Parte con l’anno scolastico 2019-20 “Pranza con noi”: menù nutrizionalmente equilibrati per bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria inferiore in visita al nostro circuito, studiati per noi dal Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’Università di Parma.

Bambini e ragazzi sono un pubblico primario per i Musei del Cibo che hanno nella didattica uno dei punti forti della loro mission. Di qui, l’iniziativa realizzata in collaborazione con l’Università.

I prodotti “raccontati” nei musei sono alimenti di grande qualità che ben si prestano ad essere inseriti in menù specifici per le scuole. L’attenzione al cibo buono e sano nella nostra provincia si traduce in un approccio di sistema, in una sinergia fra le diverse realtà per un’azione di educazione a corretti stili di vita condotta da anni nei confronti delle nuove generazioni.

I menù di Pranza con noi sono costituiti da tre portate principali (primo piatto, secondo piatto, contorno) più frutta o dolce, elaborati dal gruppo di nutrizionisti, professoressa Francesca Scazzina e dottor Giuseppe Di Pede,  guidati dal professor Furio Brighenti. I menù saranno realizzati e proposti nei ristoranti e punti di ristoro adiacenti ad alcuni dei nostri musei: Ristorante Corte di Giarola (Museo del Pomodoro e della Pasta), Ristorante al Museo (Museo del Prosciutto), Degustazione Il Grappolo (Museo del Vino), Corte Pallavicina (Museo del Culatello).

È stata poi pensata anche un’alternativa al menù classico costituita da un ‘cestino’ per il pranzo, per  entrambe le fasce d’età (6-11, 11-14).

Le porzioni indicate nei menù sono definite dalla “Società Italiana di Nutrizione Umana” all’interno dei “Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia per la popolazione italiana” e dal documento “Linee strategiche per la ristorazione scolastica” redatto dalla regione Emilia-Romagna (2009).  Per ogni menù formulato è fornito il valore energetico (kcal, kJ), il contenuto in nutrienti: grassi (di cui saturi), carboidrati (di cui zuccheri semplici), proteine totali (di cui proteine animali e vegetali) e fibra.

Nuovi menù buoni e salutari dunque, all’insegna dei prodotti tipici e di qualità del parmense.

Le classi, interessate a pranzare presso i ristoranti e i punti di ristoro adiacenti ai musei, o a richiedere il “cestino” per il pic nic, dovranno accordarsi direttamente con i ristoratori i cui riferimenti sono indicati nelle pagine dei seguenti link, insieme ai menù e ai costi (a persona) delle singole proposte.