Visite Virtuali

Nelle VISITE VIRTUALI dei Musei del Cibo un operatore in diretta conduce le classi all’interno dei nostri musei, glieli mostra e glieli racconta, soffermandosi sui particolari più adatti in base all’età degli studenti. Niente è registrato, la visita virtuale è improntata all’interazione: i bambini e i ragazzi, possono intervenire, fare domande e commenti. Per i più piccoli sono previste anche piccole attività da svolgere in classe o a casa e che riprendono quanto visto nei musei. Per i più grandi sono previsti approfondimenti specifici a seconda degli interessi e dei programmi di studio della classe.

Le scuole di prossimità, ovvero quelle situate negli stessi comuni delle nostre sedi museali, possono richiedere le VISITE VIRTUALI gratuitamente al proprio museo di riferimento.

Di seguito le diverse proposte distinte per Museo con le indicazioni pratiche su come richiederle.

Museo del Vino a Sala Baganza

“CREO UN’ETICHETTA”

Attività a distanza dedicata alla storia dell’etichetta nel mondo del vino.

Partendo dai differenti contenitori utilizzati dall’antichità ai giorni nostri per conservare il prezioso nettare, si scopriranno insieme agli studenti le modalità che gli uomini hanno inventato nel corso dei secoli per descriverne all’esterno il contenuto, l’origine e la data del prodotto.

Dopo un excursus sui diversi tipi di “etichetta” i ragazzi saranno invitati a crearne una loro personalizzata, che potrà entrare a far parte di una speciale mostra all’interno del museo.

  • Target: Scuola Primaria e Secondaria di primo grado
  • Durata: 45 minuti
  • Costo: 50 euro a classe
  • Chi lo fa: Pro Loco Sala Baganza
  • Come richiederla: scrivere a prenotazioni.vino@museidelcibo.it

Museo della Pasta a Giarola

Breve tour virtuale nel Museo della Pasta alla conoscenza dei principali passaggi storici che hanno portato il grano ad essere trasformato per essere consumato sulle tavole di tutti i giorni. Il tour sarà condotto in modo interattivo, animato da quiz, brevi attività dimostrative e attività pratiche da sperimentare insieme durante la diretta, in particolare, a scelta:

  • Grano duro o grano tenero? Testiamo le differenze!
  • La scienza nei cereali: come gonfiare un palloncino…con il lievito e altre sperimentazioni

Nota: È necessario che la classe si doti di alcuni materiali che saranno concordati preventivamente.

  • Target: Secondo ciclo Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado con attività pratiche; Scuola secondaria di secondo grado senza sperimentazioni.
  • Durata: 1 ora
  • Costo: 50 euro a classe
  • Chi lo fa: Esperta SB srl
  • Come richiederla: scrivere a prenotazioni.pasta@museidelcibo.it

Museo del Pomodoro a Giarola

Breve tour virtuale nel Museo del Pomodoro alla conoscenza dei principali passaggi storici che hanno portato questo frutto a diventare un prodotto tanto importante, in particolare per il territorio parmense. Il tour sarà condotto in modo interattivo, animato da quiz, brevi attività dimostrative e attività pratiche da sperimentare insieme durante la diretta, in particolare, a scelta:

  • La chimica del pomodoro: pH, acidità e un arcobaleno di colori.
  • Cibi dal mondo: attività ludico didattica per conoscere la provenienza di frutti e ortaggi

Per le attività pratiche è necessario che la classe si doti di alcuni materiali che saranno concordati in fase di prenotazione.

  • Target: Secondo ciclo Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado con attività pratiche; Scuola secondaria di secondo grado senza sperimentazioni
  • Durata: 1 ora
  • Costo: 50 euro a classe
  • Chi lo fa: Esperta SB srl
  • Come richiederla: scrivere a prenotazioni.pomodoro@museidelcibo.it

Museo del Prosciutto di Parma a Langhirano

Museo del Salame di Felino a Felino

Museo del Parmigiano Reggiano a Soragna

La visita virtuale verrà condotta tramite tablet da un operatore che vi racconterà ciò che il Museo custodisce: la storia, la produzione e il territorio di origine dei prodotti che rendono Parma famosa nel mondo. Al termine, le classi interessate potranno cimentarsi nella realizzazione di un “cartellone pubblicitario” (per i più piccoli) o di una mini-campagna social (per i più grandi) per il prodotto che hanno conosciuto in Museo.