Parco del Palazzo Ducale di Colorno

Home/Percorsi turistici/Parchi e Giardini storici/Parco del Palazzo Ducale di Colorno

Description

PARCO DEL PALAZZO DUCALE – Giardino Storico

Le prime notizie della lunga storia di questo giardino, formatosi in fregio dell’edificio fortificato di Colorno all’atto della sua traformazione in residenza signorile, risalgono al 1480, quando Roberto Sanseverino ne ordinò la risistemazione, prima di una lunga serie che arriva fino ai giorni nostri.
Durante il dominio di Barbara Sanseverino venne ingrandito e impreziosito con nuove piante.
Nel 1612 i Farnese confiscarono le terre dei Sanseverino venendo in possesso anche dei territori di Colorno, prediletti da Ranuccio per la villeggiatura. Proprio sotto il regno di Ranuccio Farnese, nel 1669, venne impostato il nuovo giardino e tre anni più tardi creata quella diversificazione di quote che a tutt’oggi esiste tra la parte prospiciente il palazzo, più alta, e il giardino basso rivolto verso Sud-Est.
I veri cambiamenti si registrano con Francesco Farnese, che agli inizi del XVIII secolo ristruttura il palazzo e affida la realizzazione del grande parco a Ferdinando Galli Bibbiena, che concepisce un giardino all’italiana nella parte prospiciente il palazzo e un giardino alla francese nella parte bassa. Bibbiena pensava a riproporre il modello della reggia di Versailles, edificando anche uno scalone scenografico, che fosse elemento di connessione tra l’architettura del palazzo e la struttura del giardino.
Dopo anni di decadenza, il Giardino rivive un grande periodo di splendore sotto il ducato di Filippo di Borbone e della moglie Elisabetta di Francia che ne affidano i lavori di ristrutturazione prima al primo giardiniere Delisle e poi all’architetto francese Ennemond-Alexandre Petitot, che ridisegna lo scalone del giardino alto e dà un aspetto simmetrico alle aiuole, sottolineato dalla posizione delle fontane.
L’aspetto e l’impianto del giardino non cambiano sostanzialmente fino all’arrivo a Parma di Maria Luigia, che nel 1816 ne decide la trasformazione “all’inglese”. I lavori vengono affidati al giardiniere Carlo Barvitius, che rompe i rapporti di simmetria tra palazzo e area verde con la creazione di un vasto prato occupato da un’unica fontana centrale.
In età post-unitaria la cura del giardino va scemando e la trasformazione del palazzo in ospedale psichiatrico a partire dal 1927 porta il parco ad un ulteriore stato di degrado, che culmina coi bombardamenti della seconda guerra mondiale.
Dopo un complesso studio preliminare, tra il 1999 e il 2000 è stata realizzata, a cura dell’Amministrazione Provinciale, la ricostruzione storica dell’area verde, con interventi mirati a riproporre il giardino alla francese. Il progetto ha contemplato la realizzazione di una serie di aiuole che delimitano il bordo esterno del giardino, raccordate da vialetti in ghiaietto di marmo bianco.
Nella parte centrale, in corrispondenza della fontana, sono state create quattro grandi aiuole delinate con siepi di bosso, disposte in doppia fila a racchiudere una zona fiorita tra i due filari. L’interno del parterre è costituito da una tessitura in bosso, più bassa della precedente, sempre disposta su doppia fila e con zona fiorita tra i filari, delimitata da vialetti in ghiaietto di marmo rosa di Verona. I parterres sono racchiusi da due berceaux che con la loro caratteristica forma ad arco, formano due corridoi verdi interrotti da una serie di aperture panoramiche intermedie.
Il giardino prosegue verso la zona dell’Orangerie con due vasche delimitate da aiuole bordate da siepi di bosso. L’Orangerie è stata delimitata da una serie di vasi con piante di limone.
Il progetto ha comportato, infine, la creazione di un cannocchiale nel giardino basso, che congiunga idealmente il laghetto con il giardino alto, con un’alberatura di contorno e una serie di giochi d’acqua.

Colorno
Accessibilità: SS. 343 direzione nord, 23 Km. da Parma; Linea Tep extraurbana Parma-Colorno; Linea FS Parma-Piadena

Informazioni Turistiche:
IAT – Informazione e Accoglienza Turistica
Comune di Parma
Piazza Garibaldi, 1 – 43121 Parma
Tel. +39 0521218889
turismo@comune.parma.it
www.turismo.comune.parma.it

VISITA IL SITO IAT PARMA

PARCO DEL PALAZZO DUCALE – Giardino Storico
Piazza Garibaldi, 21 – 43052 Colorno (PR) – I
Proprietà Amministrazione Provinciale di Parma
Tel: ++39-0521-312546 – 520054
Periodo migliore per la visita: tutto l’anno
Accessibilità: Al centro dell’abitato.
Parcheggio pubblico nei pressi.

I Musei del Cibo di Parma
premiati con il Travel Food Award
dal Gruppo Italiano Stampa Turistica
come miglior destinazione Italia del 2021